Norme coni: i Locali medici negli impianti sportivi

I Locali Medici negli Impianti Sportivi: Le norme Coni

Nel nostro primo articolo relativo alle norme per l’impiantistica sportiva del Coni abbiamo approfondito le diverse tipologie di impianto sportivo distinte all’interno delle norme generali (lo trovi qui).

Tuttavia, vi sono ancora diversi punti da approfondire e analizzare al fine di poter fornire una disamina chiara delle prescrizioni generali del Coni

È per questo motivo che oggi vogliamo analizzare un elemento che molto spesso viene trascurato all’interno degli impianti sportivi, generando non poche problematiche come chiusure e sospensioni temporanee dell’attività.

Stiamo ovviamente parlando dei locali medici, elemento essenziale all’interno di un qualsiasi impianto sportivo.

In questo articolo andremo ad analizzare quali locali medici prevede il testo del Coni negli impianti sportivi analizzando le rispettive caratteristiche. 

I Locali Medici

All’interno delle prescrizioni generali, il Coni distingue 3 tipologie di locali medici. Nello specifico elenca: 

  • Locale di primo soccorso per la zona di attività sportiva
  • Locali per i controlli antidoping
  • Locale per le visite mediche

1. Locali di primo soccorso

All’interno degli impianti sportivi dovrà essere presente un locale di primo soccorso, il quale, preferibilmente, deve essere ubicato lungo le vie di accesso agli spogliatoi o comunque in un area accessibile sia dall’esterno dell’impianto sia dallo spazio delle attività. 

Le caratteristiche

Per quanto riguarda le dimensioni degli accessi e dei percorsi, queste dovranno presentare dimensioni capaci di agevolare il passaggio di una barella. 

La dimensione del locale, invece, dovrà consentire le operazioni di primo soccorso, a tal scopo il Coni consiglia una superficie netta non inferiore a 9 m2, al netto dei servizi, con un lato non inferiore a 2.50 m .

Il locale dovrà essere dotato di un WC accessibile anche agli utenti con disabilità, con anti WC dotato di lavabo. 

2. Locali per i controlli antidoping

In base alle caratteristiche e all’importanza dell’impianto sportivo il Coni consiglia la presenza di uno o più locali destinati all’accertamento anti-doping.

Nel caso di assenza di locali adeguati ed in occasione di eventi sportivi che richiedano tali test, potranno essere previste unità antidoping temporanee rispondenti alla normativa vigente. 

3. Locale per visite Mediche

Anche in questo caso il Coni puntualizza che, in base alle caratteristiche e all’importanza dell’impianto sportivo, può essere previsto un locale adibito alle visite mediche

Le caratteristiche 

Il locale per le visite mediche dovrà disporre di un proprio WC accessibile e fruibile anche da utenti con disabilità, con anti WC dotato di lavabo

Il locale potrà anche coincidere con quello di primo soccorso ove siano garantite le condizioni di accessibilità per questo indicate. 

Conclusioni 

In questo articolo abbiamo chiarito le prescrizioni generali del Coni in materia di locali medici negli impianti sportivi.

Tuttavia, è necessario ricordare che le norme del Coni sono solo alcune della moltitudine di regolamentazioni di cui tenere conto per la realizzazione di un impianto sportivo. 

A tal fine, è sempre necessario rivolgersi ad aziende specializzate come la Geis Management Group, le quali saranno in grado di fornire indicazioni chiare per la progettazione e costruzione di un impianto sportivo. 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi le news, gli aggiornamenti e tanti contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta ogni mese!

Inviando il modulo acconsenti al trattamento dei dati personali. Privacy Policy

Ci stai salutando?Restiamo in contatto!

Iscriviti alla newsletter per ricevere news, approfondimenti ed opportunità di business, direttamente nella tua casella di posta ogni mese!

Potrai disiscriverti in qualunque momento